About the Post

Informazioni Autore

MONDIALI DI CONCORSO COMPLETO

Oggi ho visto parte della prova di cross-country dei mondiali di concorso completo: mi è molto piaciuto il commento di F. Roman per la competenza ed il percorso di campagna che reca la firma di G. della Chiesa.  Finalmente un cross che rispetta la prima esigenza di un cavallo che deve galoppare: non interromperne l’azione. Si parla tanto di benessere del cavallo, e questa è l’esigenza primaria: difatti, non vi è stato nessun incidente ai cavalli!

Inoltre ha permesso ad essi di distendersi rivelando all’occhio attento, la vera qualità del suo addestramento: quella di avere una schiena che funziona correttamente.  Infatti, prima di tutto il cavallo deve saper distendere completamente la sua linea dorsale appoggiandosi bene nella mano che cede trattenendo.  Ma alla minima resistenza della mano che resiste cedendo, dettata dall’esigenza di saltare delle combinazioni, deve cedere con la bocca e decontrarsi completamente, mantenendo la tensione dorsale.

Vi erano i migliori cavalieri del mondo tra i  quali mi sono piaciuti Krajewsky, Price, Vogg, Smith etc… Ma quello che più mi ha piacevolmente sorpreso è stato il cap.m. G. Ugolotti che è completamente cambiato in meglio: a riprova è stato l’unico che ha passato facilmente, con un tempo in meno, la difficile combinazione sotto lo scivolo.   A dimostrazione che è la flessione delle anche che dà la riunione e non quella dell’incollatura come sembrano ritenere in molti.  Anche il suo assetto è esemplare!

I giornali stranieri hanno, nei loro commenti, certificato il successo della manifestazione che ha contribuito al rilancio del centro ippico di Rocca di Papa.

2 Responses to “MONDIALI DI CONCORSO COMPLETO”

  1. Sebastiano Comis #

    Non ho visto i percorsi di cross, ma dalle penalità riportate dai nostri cavalieri – tutti con grossi fuori-tempo, risulta che non hanno galoppato abbastanza. Ma se un cavaliere non fa almeno il tentativo di rimanere nel tempo, che cosa va a fare a un campionato del mondo? e domani a una olimpiade?

    20 Settembre 2022 at 15:14 Rispondi
  2. Sebastiano Comis #

    Caro Generale, oggi eccezionale exploit di Gaudiano, che al 5* stelle di St,Tropez ha vinto la 140 a due fasi con Chaccart, è arrivato secondo nella 145 a tempo con Crack Balou e ha vinto la 150 a tempo (davanti a Delestre) con Nikolaj de Music, arrivando quarto nella stessa gara con Chalou. I miei impegni di istruttore del mio undicenne nipote mi hanno consentito di seguire solo il percorso di Chalou, che andrebbe usato meno spesso. Ma devo dare atto a Gaudiano di essere, a parte la gestione sconsiderata dei suoi cavalli, l’unico cavaliere italiano ad avere quella voglia di vincere senza la quale si resta nella mediocrità. Lo dico anche a proposito dei nostri cavalieri di completo, che partono nel cross già con l’intenzione di andare fuori tempo. Nella gara regina la nostra Schivo (nomen omen) è arrivata cinquantesima, preceduta da cavalieri di 12 nazioni, compreso un giapponese…

    22 Settembre 2022 at 19:28 Rispondi

Lascia un commento