About the Post

Informazioni Autore

GLOBAL CHAMPIONS TOUR A ROMA

 

 

 

 

Ha inizio giovedì 21 settembre allo stadio dei marmi di Roma la tappa romana del GCT.

E’ prevista una grande e qualitativa partecipazione che ne farà, anche grazie ad una grande organizzazione, un evento da non perdere.

La direzione tecnica sarà assicurata da U. Vezzani (quale migliore garanzia di poter vedere una grande equitazione) ed è prevista la partecipazione dei migliori cavalieri europei.

Le gare principali si svolgeranno il 22 – ore 15.00 – la 155 / il 23 – ore 12.30 la eliminatoria 160 / il 23 ore 1600 il G.P. 160 Longines.

Presenti per l’Italia: cap.magg. A. Zorzi, L. De Luca, av.sc. G. Martinengo, L. Polesello, P.G. Bucci, G. Govoni, car. sc. E. Gaudiano, P. Paini.

Tutte le gare sono visibili in streaming su globaltour/tv .  Rai Sport-Eurosport – Class diretta sabato ore 16.00.

L’ingresso è gratuito con possibilità di sedere anche in parte della tribuna coperta.

Nella 155 a barrage del 22, il percorso base ha posto il problema tecnico principale della capacità dei cavalli di rientrare.

Nel percorso base il migliore è stato il cavaliere slovacco B. Chudyba, l’unico che ha presentato un cavallo (Zabria) con il livello di decontrazione che tutti dovrebbero avere, a questo livello; purtroppo è uscito lievemente dal tempo come il car. sc. E. Gaudiano che peraltro ha compiuto un percorso eccellente con un cavallo (Chalou) che deve ancora maturare.

Mi è piaciuto moltissimo il cap. magg. A Zorzi per i progressi riscontrabili in molti dettagli del suo assetto e nell’uso della schiena da parte della sua cavalla Fair Light.

Il barrage è stato vinto meritatamente da M. Zanotelli su Celena in assenza di Zorzi che ha opportunamente risparmiato il suo cavallo per domani.

La cat: 160 di selezione del 23 vinta da E. Lamaze, era costituita da un percorso impegnativo che metteva alla prova, soprattutto la doppia gabbia, la capacità dei cavalli di impiegarsi in modo corretto.

Halifax (De Luca) è passato ma soltanto per la sua qualità compiendo degli sforzi non indifferenti (ero lì vicino) perché l’uso che fa della schiena non è corretto.  Si è qualificato L. Polesello che ha montato bene ma il suo cavallo mostra delle difese che non promettono bene.

Ha montato molto bene A. Onassis anche se fuori tempo.  Il cap.magg. A. Zorzi non era in forma, la cavalla era l’ombra di quella del giorno precedente e non si è qualificato (come Ahlmann).

Il G.P. Longines è stato disputato su di un percorso molto delicato che ha fatto molte vittime: in particolare tra quelli che avevano disputato la selezione con molti sforzi. La prima vittima è stato Halifax che nella gabbia ha abbassato il carrello posteriore.  Polesello se l’è cavata bene ma il suo cavallo era ancor più protagonista di difese vistose.  Intollerabile il comportamento del commentatore televisivo che le definiva manifestazioni di gioia:  se non è competente in materia, meglio tacere su di un tema così delicato come il benessere del cavallo.  Sono dell’idea che dovrebbero essere i presidenti di giuria ad intervenire.

Hanno avuto accesso al barrage soltanto tre cavalli che si sono classificati nella misura nella quale coprivano spazio:  ha vinto, più che meritatamente, la giovane amazzone svedere E. Tovek su Castello che ha montato benissimo, sempre in avanti, seguendo scrupolosamente le istruzioni del suo istruttore von Eckermann.  Ha battuto il favorito H. Smolders su VHP penalizzato, a mio parere, da un sistema di controllo troppo forte che tende a restringere l’ampiezza dell’andatura.

Da segnalare l’ottimo percorso, montato con grande calma, di A. Onassis su Going Global molto migliorato.

In conclusione un concorso organizzato in modo perfetto e curando i minimi particolari, apprezzato anche dal tempo meteorologico!

Carlo Cadorna

One Response to “GLOBAL CHAMPIONS TOUR A ROMA”

  1. giuseppe maria de nardis #

    Il “combinato disposto” del commento tecnico de La Striglia con la possibilità di vedere i percorsi registrati nel sito LGCT (Results & Video) è sempre di grandissima utilità per apprezzare della Equitazione di alto livello. Davvero notevole il percorso di Zorzi-Fair Light nella gara grossa del 22.
    Grazie, anche perchè non avevo potuto seguire le gare nè dal vivo nè in diretta.

    giuseppe maria de nardis

    28 Settembre 2017 at 12:20 Rispondi

Lascia un commento