About the Post

Informazioni Autore

CSI 5* SAINT TROPEZ

 

 

 

A  Saint Tropez si continua, alzando un buco e delegando agli accordi locali le barriere ed i provvedimenti anti covid19.

 

Questo  il programma:

  • 2 – 1915 – 150 tab. A
  • 3 – 18.20 – 155 a barrage
  • 4 – 15.30 – 150 tab.A
  • 5 – 15.30 – 160 barr. G.P.                   visibile su grandprix.tv

Nella 150 del 4, piazzamento del cap.magg. A. Zorzi su Vauban du Trio.

Nel G.P. 160, vinto da S. Guerdat, 9° posto per il cap.magg. A. Zorzi su Cinsey.

Carlo Cadorna

5 Responses to “CSI 5* SAINT TROPEZ”

  1. Alberto Alciator #

    Buongiorno Colonnello, la qualità di Zorzi e del suo cavallo sono evidenti ma ho l’impressione che il cavallo non sia ancora bene sulle sue gambe. Il cavaliere quindi è spesso seduto e il cavallo pesante sulla mano e quindi forse non ancora in grado di saltare bene in velocità al primo livello. Negli altri partecipanti al barrage mi sembra di aver visto cavalieri più piegati all’inguine e cavalli più distaccati dalla mano. Potrebbe darmi un suo parere. Grazie per tutto il suo lavoro e i suoi articoli che leggo e rileggo sempre volentieri.

    Alberto Alciator

    6 Luglio 2020 at 10:44 Rispondi
    • lastriglia #

      Caro Alberto,
      Tu sei un fine osservatore: da quando monta in Olanda, Zorzi si è dimenticato tutto quello che aveva imparato all’ottima scuola di Padova afferente l’equitazione naturale. Ora pratica un’equitazione esclusivamente meccanica i cui risultati sono legati unicamente all’enorme qualità dei cavalli che monta. Zorzi è sempre dietro i suoi cavalli che, di conseguenza, hanno i posteriori sempre sotto sforzo. Si vede anche dalla qualità del contatto che è primordiale(gli istruttori di oggi sembrano mancare di questa cognizione). Poiché continuo ad aggiornare, nei dettagli, i miei articoli, il fatto che li rileggi è per me fonte di grande soddisfazione: GRAZIE!

      9 Luglio 2020 at 06:35 Rispondi
  2. sebastiano comis #

    Ho appena visto Zorzi su Clarina, come ieri su Vauban du Trio. Sembra aver perso completamente il ‘senso’ del cavallo. Mano bloccata, sempre in ritardo nel seguire la bocca, spalle rigide. Purtroppo così anche i cavalli ne risentono. Penoso.

    12 Luglio 2020 at 14:28 Rispondi
  3. sebastiano comis #

    Sempre a proposito di Zorzi, penso che la sua attuale condizione dipenda dal fatto che a Walkensvaard è praticamente solo, visto che Tops era impegnato fino al collo nell’organizzazione del GCT. La mancanza di una guida tecnica – come quella di Eric van der Vleuten rispetto al figlio o di Smolders SU Verloy o di Bologni rispetto al figlio, molto migliorato – la si vede anche nello scadimento della Alexander, nelle incertezze di Previtali, nei mancati pogressi della Onassis, che pure ha una mano buonissima e cavalli eccellenti.

    13 Luglio 2020 at 08:08 Rispondi
    • lastriglia #

      Proprio così: ha perso il senso del cavallo! Aggiungo che Tops ha una grande esperienza ma non ha compreso l’essenza dell’equitazione naturale. La Onassis, per esempio, avanza con le reni ma non con il bacino: è un grave difetto che annulla l’azione dell’assetto. Le reni ed il bacino devono restare solidali. Ma, evidentemente, nessuno gliel’ha mai detto: ignoranza diffusa!

      13 Luglio 2020 at 10:11 Rispondi

Lascia un commento